campagna abbonamenti
MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume II
Febbraio 1999
numero 2
PROTOCOLLI IN PEDIATRIA AMBULATORIALE


Polmonite (e broncopolmonite)
Dino Faraguna

Criteri: febbre (polmonite), tosse (broncopolmonite), reperto stetoacustico (soffio e/o aumento broncofonia e/o rantoli subcrepitanti o crepitanti e consonanti), radiologia+

Razionale del protocollo
a) gli agenti eziologici della (bronco)polmonite sono
- piogeni (quasi esclusivamente pneumococco, rarissimamenteStaphaureo);
- Chlamydia trachomatis e pneumoniae e Micoplasma pneumoniae;
- virus.
b) alle tre categorie corrispondono scelte antibiotiche definite.
Per il pneumococco, considerando il tipo delle resistenze (la resistenza ai beta-lattamici non è indotta da beta-lattamasi, è quasi sempre parziale ed ha una frequenza del 10%; la resistenza ai macrolidi è variabile, ma è dell'ordine del 20%). Il farmaco di prima scelta resta la amoxicillina, a dosi però > 75 mg/Kg, ovvero (da riservare ai casi più severi) il ceftriaxone (fig. 1).
Per clamidia e micoplasmi i macrolidi (e le tetracicline) sono l'unica scelta.
Per i virus il trattamento antibiotico è superfluo
c) la dd eziologica è possibile (tab. I e II) ma esiste una componente di errore, specie in ambito domiciliare, di cui bisogna tenere conto
d) nel dubbio, è meglio scegliere di curare la patologia più comune e più severa (pneumococco = beta-lattamico), prendendo in considerazione lo stafilococco o il pneumococco molto resistente, e la clamidia/micoplasma solo in seconda battuta (mancata risposta entro le 24 ore)
e) infatti la risposta clinica, sia al beta-lattamico nel caso di (bronco)polmonite da pneumococco, sia in caso di broncopolmonite da clamidia/micoplasma è di regola pronta, e entro 24 ore si assiste a una defervescenza della febbre e a netto miglioramento clinico. Il mancato viraggio clinico deve far considerare l'ipotesi di una complicazione (versamento) o di una resistenza.

Tabella n.1 -
Score “Panizon” per la diagnosi eziologica: se la somma è >1 la eziologia batterica (pneumococcica) è praticamente certa; viceversa, se la somma è <1 la diagnosi di polmonite da mycoplasma è praticamente certa.

BATTERICA
CARATTERI
MYCOPLASMA
acuto
+1
esordio
graduale
-1
>39°
+1
febbre
<38°
-1
+/-
(se - =+1)
tosse
+++
-1
“tossico”
+1
stato generale
buono
-1
soffio/nessun reperto
+1
obiettività
rantoli subcrepitanti
-1
negativo
+1
test rapido ac freddi
positivo
-1

Tabella n.2 -
Diagnosi differenziale orientativa tra infezione respiratoria da Chlamydia e da Mycoplasma

CHLAMYDIA
PNEUMONIAE
CARATTERI
MYCOPLASMA PNEUMONIAE
3 settimane
incubazione
<2 settimane
raro
contagio madre/figlio
comune
57%
tosse>21 gg
28%
bifasico, lento
esordio
graduale
minore (“bronchite”)
intensità clinica
maggiore (“broncopolmonite”)

Protocollo
Se il bambino è grave, è obbligatorio il ricovero; se è sotto l'anno di età, il ricovero è ragionevole anche se le condizioni generali non sono allarmanti. In questo caso, la radiologia e gli esami generali andranno fatti in prima battuta e il trattamento potrà essere “mirato” sin dall'inizio, sulla base dei dati clinici, radiologici e di laboratorio. Anche nel bambino ricoverato, la prima scelta, come nel bambino domiciliare, e se non ci sono condizioni particolarmente allarmanti, sarà per un antibiotico orale. Anche nel bambino ricoverato, anzi a maggior ragione, in mancanza di “viraggio” dopo 24 ore andrà rifatta la lastra e riconsiderata la strategia terapeutica.

Se il bambino non appare grave, il trattamento domiciliare non richiederà lastra né esami. NB: se possibile, poiché è facile farsi la pratica da soli, effettuare il test rapido per agglutinine fredde (una goccia di sangue in una provetta eparinata, messa nel ghiaccio; se entro 1 m' compare una agglutinazione pulverulenta la diagnosi è positiva). Anche senza il test, uno “score” >1 darà la quasi sicurezza di infezione batterica; in questo caso iniziare terapia con amoxicillina>75 mg/Kg e rivedere il problema dopo 24 h (vedi sopra). Se lo “score” è dubbio conviene comportarsi nello stesso modo (cioè come se fosse una polmonite da pneumococco). Se lo “score” è <1 è quasi certamente una infezione da Chlamydia o da Mycoplasma: scegliete un Macrolide e rivedete il problema dopo 24 ore.

Vuoi citare questo contributo?
D. Faraguna. POLMONITE (E BRONCOPOLMONITE). Medico e Bambino pagine elettroniche 1999; 2(2) http://www.medicoebambino.com/?id=PR9902_10.html




La riproduzione senza autorizzazione vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.